E’ GIUNTA L’ORA DI NASCERE DI NUOVO – Sabato 5 Dicembre 2020

di David Muresan, Romania

Una delle promesse divine più preziose è: “ecco, io faccio tutte le cose nuove” (Apocalisse 21:5). Quando è necessario rinnovare una cosa, è perché quella che attualmente viene usata non soddisfa più le richieste dell’utilizzatore.

La decisione di fare “nuovi cieli e nuova terra, nei quali abita la giustizia“ (2 Pietro 3:13) è presa dal Creatore stesso; questo perché Egli ha bisogno di far finire la storia oscura dell’universo macchiato dal peccato.

È interessante che tutta la creazione di Dio, anche se colpita dal peccato, sarà rinnovata dalla potenza e dall’assoluta volontà del nostro Creatore. Tuttavia, l’umanità, avendo scelto di peccare, è invitata ad accettare in anticipo un rinnovamento speciale compiuto da Dio attraverso lo Spirito Santo, perché nella città di Dio “nessuno che commetta abominazione vi entrerà mai“ (Apocalisse 21:27).

L’avvertimento dato a Nicodemo è ancora valido per tutti gli esseri colpiti dal peccato: “Gesù gli rispose e disse: ‘in verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio’ “ (Giovanni 3:3).

Tale approccio viene dato perché Dio vuole che tutti siano salvati. Egli dichiara: “Io non provo alcun piacere nella morte di chi muore, dice il Signore, l’Eterno. Convertitevi dunque e vivrete“ (Ezechiele 18:32). Nello stesso tempo, Dio rispetta la volontà di ogni uomo.

Egli sta usando tutte le maniere possibili perché l’uomo sia cosciente della sua necessità e gli presenta le opportunità per accettare l’offerta della salvezza.

Dove inizia il rinnovamento?

“E non vi conformate a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la buona, accettevole e perfetta volontà di Dio” (Romani 12:2). Qui il termine “trasformati” significa cambiati.

“Quando Gesù parla del nuovo cuore, egli intende la mente, la vita, tutto l’essere. Avere un cambiamento di cuore significa ritirare gli affetti dal mondo e fissarli su Cristo. Avere un cuore nuovo significa avere una mente nuova, nuovi scopi, nuove motivazioni. Qual’è il segno di un cuore nuovo? – Una vita cambiata. C’è un morire quotidiano, ora dopo ora all’egoismo e all’orgoglio.“ 1

“La mente è la capitale del corpo.”2

“La mente controlla tutto l’uomo. Tutte le nostre azioni, buone o cattive, hanno la loro fonte nella mente. È la mente che adora Dio e ci unisce agli esseri celesti.”3

Così, il posto dove inizia il rinnovamento genuino è la mente.

 La volontà

Dopo che il Signore ha parlato alla nostra mente e la Sua offerta ci impressiona e diventa attraente, Egli chiede il nostro consenso dicendo: “Se vuoi” (Matteo 19:21). Dio non costringe mai la nostra volontà, ma quando è possibile, Egli ci incontra nella via con gli appelli dello Spirito Santo per ricordarci l’unica possibilità di salvezza.

“La vostra volontà è la fonte di tutte le vostre azioni. Questa volontà, che forma un fattore così importante nel carattere dell’uomo, fu data, alla Caduta, al controllo di Satana; e da allora in poi egli manipola a suo vantaggio nell’uomo la volontà e l’azione per la completa rovina e miseria dell’uomo.

“Ma il sacrificio infinito di Dio nel dare Gesù, il Suo caro Figlio, per diventare un sacrificio per il peccato, Lo rende in grado di dire, senza violare un principio del Suo governo: “Rinnega te stesso per Me; dammi la tua volontà; toglila dal controllo di Satana e Io prenderò possesso di essa; allora potrò operare in te la volontà e fare il Mio beneplacito.” Quando Egli vi da la mente di Cristo, la vostra volontà diventa come la Sua volontà e il vostro carattere è trasformato per essere simile al carattere di Cristo.”4

“Lo Spirito di Dio non si propone di fare la nostra parte, né con la volontà né con l’azione. È compito dell’essere umano cooperare con gli strumenti divini. Non appena incliniamo la nostra volontà per armonizzarla con la volontà di Dio, la grazia di Cristo si presenta per cooperare con l’essere umano; ma non sarà il sostituto a fare la nostra opera indipendentemente dalla nostra azione risoluta e decisiva. Pertanto non è l’abbondanza della luce e delle evidenze che convertiranno l’anima, solo l’agente umano che accetta la luce, desta le energie della volontà, si rende conto e riconosce quello che lui sa essere la giustizia e la verità e così coopera con i ministeri celesti nominati da Dio per la salvezza dell’anima.” 5

L’azione

Dire “io credo, io voglio” è fondamentale, ma non è sufficiente.

“Anche voi per questa stessa ragione, usando ogni diligenza, aggiungete alla vostra fede la virtù; alla virtù la conoscenza, alla conoscenza l’autocontrollo, all’autocontrollo la perseveranza, alla perseveranza la pietà; alla pietà l’affetto fraterno e all’affetto fraterno l’amore.” (2 Pietro 1:5-7).

“Attraverso la coltivazione dei giusti principi, l’uomo può ottenere la vittoria sulla predisposizione al peccato. Se ubbidisce alla legge di Dio, i suoi sensi non saranno più a lungo distorti e pervertiti; le sue facoltà non saranno più a lungo pervertite e sprecate per essere esercitate su obiettivi che lo allontanano da Dio. Per mezzo della grazia concessa dal Cielo, le parole, i pensieri e le energie possono essere purificati; un nuovo carattere può essere formato e la degradazione del peccato può essere vinta.” 6

 È giunta l’ora

Anche se non abbiamo chiesto la nostra esistenza, noi godiamo ancora la vita donataci da Dio, un periodo nel quale siamo soggetti all’importantissimo esame che ha conseguenze eterne. Lo Spirito Santo vuole che noi ci rendiamo conto cosa significa oggi questo.

“Perciò, come dice lo Spirito Santo: ‘Oggi, se udite la sua voce” (Ebrei 3:7). [Enfasi aggiunta.]

La Bibbia abbonda di esempi di persone che hanno ricevuto l’invito della grazia e sono stati trasformati, rinnovati e preparati per vivere con gli esseri senza peccato. Ma molti sono coloro che hanno rifiutato e trascurato l’appello dello Spirito Santo, lasciando passare invano il tempo per un cambiamento, per la loro nuova nascita.

L’esempio di Faraone

“Il Faraone, re d’Egitto, non è che un gran rumore, che ha lasciato passare il tempo stabilito” (Geremia 46:17).

Osserviamo un aspetto essenziale della seconda piaga che cadde sull’Egitto. Faraone aveva chiamato Mosè ed Aronne, dicendo:

“Allora, Faraone chiamò Mosè ed Aronne e disse loro: ‘pregate l’Eterno che allontani le rane da me e dal mio popolo, e io lascerò andare il popolo, perché sacrifichi all’Eterno’. Mosè disse al Faraone: ‘Fammi l’onore di dirmi quando devo intercedere per te, per i tuoi servi e per il tuo popolo, finche l’Eterno distrugga le rane intorno a te e alle tue case e rimangano solo nel fiume’. Egli rispose: “domani”. (Esodo 8:8-10).

Egli fissò il giorno successivo, sperando segretamente che nell’intervallo le rane sarebbero sparite da loro e così avrebbero impedito a lui l’amara umiliazione di sottomettersi al Dio di Israele.”7

In altre parole, “domani” è la politica di lavoro di Satana ed è una delle più efficaci per la distruzione. Dall’altra parte, lo Spirito Santo dice “oggi” perché non abbiamo la garanzia del domani.

“Dio parla agli uomini attraverso i Suoi servi, dando precauzioni e avvertimenti e rimproverando il peccato. Egli dà a ciascuno un’opportunità per correggere i suoi errori prima che diventino parte del loro carattere; ma se uno si rifiuta di essere corretto, la potenza divina non si interpone per controbattere la tendenza della sua stessa azione. Egli trova più facile ripetere lo stesso comportamento. Egli sta indurendo il cuore contro l’influenza dello Spirito Santo.” 8

“Coloro che calmano una coscienza colpevole col pensiero che potranno cambiare il corso del male quando sceglieranno di farlo, che possono prendere alla leggera gli inviti della misericordia ed essere ripetutamente impressionati, seguono questo corso a loro pericolo. Essi pensano che dopo aver sprecato tutta la loro influenza dalla parte del grande ribelle, in un momento di massima estremità, quando il pericolo li circonderà, essi cambieranno le guide. Ma questo non è così facile da farsi. L’esperienza, l’educazione, la disciplina di una vita di indulgenza peccaminosa, ha modellato così completamente il loro carattere che non possono allora ricevere l’immagine di Gesù. Se la luce non avesse brillato sul loro sentiero, il loro caso sarebbe stato differente. La misericordia potrebbe interporsi e dar loro un’opportunità di accettare le sue offerte; ma dopo che la luce è stata a lungo rigettata e disprezzata, alla fine sarà ritirata.”9

Nebukadnetsar

Quanto impressionanti ed elevati sono i cambiamenti fatti dall’opera dello Spirito Santo! Dopo il suo rinnovamento, Nebukadnetsar raccontò la sua esperienza di cambiamento:

“In quello stesso tempo mi ritornò la ragione, e per la gloria del mio regno mi furono restituiti la mia maestà e il mio splendore. I miei consiglieri e i miei grandi mi cercarono e io fui ristabilito nel mio regno e la mia grandezza fu enormemente accresciuta. Ora, io Nebukadnetsar lodo, esalto e glorifico il Re del cielo, perché tutte le sue opere sono verità e le sue vie giustizie; egli ha il potere di umiliare quelli che camminano superbamente” (Daniele 4:36,37).

“Il monarca una volta orgoglioso era diventato un umile figlio di Dio; il governatore tirannico, prepotente, un re saggio e compassionevole. Colui che aveva sfidato e bestemmiato il Dio del cielo, ora riconosceva la potenza dell’Altissimo e cercava seriamente di promuovere il timore di Geova e la felicità dei suoi sudditi.”10

Saulo di Tarso

Essendo uno dei più zelanti persecutori della chiesa di Cristo, senza preoccuparsi di quanto sangue veniva versato fin quando non raggiungeva il suo scopo, Saulo scrisse: “io ho perseguitato fino alla morte questa Via, legando e mettendo in prigione uomini e donne” (Atti 22:4).

L’incredulità di Saulo era onesta, ma non scusabile. “La mente che resiste alla verità vedrà tutto in una luce pervertita. Sarà legata nei sicuri lacci del nemico e considererà le cose alla luce del nemico.” 11

“Il Signore dà sempre all’agente umano il suo compito. Ecco la cooperazione divina e umana. Questo significa ubbidire alla luce divina ricevuta. Se Saulo avesse detto: ‘Signore, io non sono affatto incline a seguire le tue direttive specifiche per compiere la mia stessa salvezza’, allora, se anche il Signore avesse fatto risplendere la luce dieci volte su Saulo, questo sarebbe stato inutile. E’ compito dell’uomo cooperare con il divino. Ed è il conflitto più duro e più difficile quello che viene con lo scopo e l’ora della grande risoluzione e decisione dell’essere umano di inclinare la sua volontà e la sua via alla volontà e alla via che Dio indica… Il carattere determinerà la natura della risoluzione e dell’azione. Il fare non è in accordo con il sentimento o l’inclinazione, ma con la volontà conosciuta del nostro Padre che è in cielo. Seguite e ubbidite alle direttive dello Spirito Santo.”12

Non appena Saulo comprese ed accettò la verità, iniziò a lavorare instancabilmente per la causa di Cristo, dicendo: “mi sono fatto servo di tutti, per guadagnarne il maggior numero” (1 Corinti 9:19) per Cristo.

 Il mio caso e il vostro caso

“E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quanto credevamo.” (Romani 13:11,12).

“Quando il peccatore raggiunge la croce e guarda in alto a Colui che è morto per salvarlo, può rallegrarsi con pienezza di gioia; poiché i suoi peccati sono perdonati. Inginocchiandosi alla croce, egli ha raggiunto il posto più alto al quale l’uomo può arrivare. La luce della conoscenza della gloria di Dio è rivelata nel viso di Gesù Cristo; e le parole del perdono sono pronunciate: vivete, o voi peccatori colpevoli, vivete. Il vostro pentimento è accettato; poiché ho trovato un riscatto.” 13

“I giovani inciampano specialmente su questa frase, ‘un cuore nuovo’. Essi non sanno cosa ciò significhi. Cercano un cambiamento speciale che avvenga nei loro sentimenti. Questo essi chiamano conversione. Su questo errore migliaia di persone sono inciampate fino alla rovina, non comprendendo la frase, ‘dovete nascere di nuovo.’ “ 14

“Una delle preghiere più zelanti registrate nella Parola di Dio è quella di Davide quando implorò: ‘o Dio, crea in me un cuore puro”. La risposta di Dio a tale preghiera è: ti darò un cuore nuovo. Questa è un’opera che nessun essere mortale può fare. Gli uomini e le donne devono iniziare dal principio, cercando Dio più zelantemente per una vera esperienza cristiana. Essi devono sentire la potenza creativa dello Spirito Santo. Essi devono ricevere il cuore nuovo, cioè mantenerlo morbido e tenero per la grazia del cielo. Lo spirito egoista deve essere bandito dall’anima. Devono operare seriamente e con umiltà di cuore, ciascuno guardando a Gesù per la guida e l’incoraggiamento. Allora l’edificio, appropriatamente strutturato, crescerà in un santo tempio per il Signore.”15

“I cristiani sinceri non hanno alcuna pietà dubbiosa. Essi hanno indossato il Signore Gesù Cristo e non hanno preso alcun provvedimento per la carne, per soddisfarne i desideri. Essi cercano costantemente Gesù per i Suoi ordini, come un servo guarda al Suo capo, oppure come una serva guarda alla sua padrona. Sono pronti ad andare ovunque li possa condurre la provvidenza di Dio. Non glorificano se stessi. Non chiamano loro proprietà nessuna cosa che hanno – istruzione, talenti, proprietà, ma si considerano come solo degli amministratori della molteplice grazia di Cristo e servitori della chiesa per amor di Cristo. Questi sono i messaggeri del Signore, una luce in mezzo alle tenebre. I loro cuori battono all’unisono con il grande cuore di Cristo.” 6

Siccome la possibilità di ricevere la salvezza è solo quando ci arrendiamo completamente a Cristo cosicché Egli possa ricrearci alla Sua immagine, non siamo ignoranti di tale grande salvezza. Questa offerta è fatta solo in questa breve vita, che non sappiamo quando durerà. Così, c’è solo una opzione per colui che vuole la vita eterna – rinnovarsi – e non domani, ma oggi.

Dio aspetta questo da noi, per il nostro bene eterno e la nostra felicità.

Il Signore è vicino. Amen.

Riferimenti 

1 The Youth’s Instructor, 26 settembre 1901.
2  Testimonies, vol. 3, p. 136.
3  Mind, Character, and Personality, vol. 1, p. 72.
4  Testimonies, vol. 5, p. 515.
5  Mind Character, and Personality, vol. 2, p. 691.
6  Idem, vol. 1, p. 30,31.
7  Patriarchs and Prophets, p. 265,266.
8  Idem, p. 268.
9  Idem, p. 269.
10 Prophets and Kings, p. 521.
11 The SDA Bible Commentary [E.G. White Comments], vol. 6, p. 1057.
12 Idem, vol. 6, p. 1058.
13 Idem, vol. 5, p. 1033.
14 The Youth’s Instructor, 26 settembre 1901.
15 The SDA Bible Commentary, [E.G. White Comments], vol. 4, p. 1165.
16 Idem, vol. 6, p. 1081.